lunedì 26 giugno 2017

"Sulla strada giusta" di Francesco Grandis.

di Tiziana Viganò

Ho letto “Sulla strada giusta” di Francesco Grandis, Rizzoli e non faccio una recensione, perché non mi è piaciuto. Però dico la mia opinione perchè sono stufa di essere buona.

Dunque: in tanti, tantissimi abbiamo sentito la voglia di fuggire dalla routine, dal mondo del fare e non-essere, dai bisogni che non finiscono mai e sono indotti da una società che ci ingabbia in certi comportamenti. Alcuni di noi hanno fatto fughe alla ricerca del senso della vita e hanno capito tante cose.

Questo libro da 10.000 copie vendute tramite i social è leggero come una piuma, le riflessioni sono abbastanza deboli, qualunquiste…l’informatico che vuole essere scrittore è finto, si sente un guru dei social, solo perché ha meditato su certe cose importanti un po’ più della media (che non medita proprio) si autocelebra e si autoconvince di essere sulla strada giusta…Condivido quello che ha detto un'amica ha solo avuto c... 
C’è ben altro su cui meditare un po’ più in profondità, ci sono ben altri scrittori che ci hanno regalato pagine più profonde di questi personaggi che si mettono in vetrina e sono seguiti come Maestri di vita. Direi che questo è il Fabio Volo dei guru.